fbpx
Libertà finanziariaBonusCryptoLiberi dal lavoroTradingTrading sportivo

Diversificazione degli investimenti

Diversificazione: cos’è e perchè è così importante.

“Devi essere abbastanza diversificato per sopravvivere a periodi difficili o sfortunati, in modo tale che abilità e buoni processi possano avere la possibilità di pagare a lungo termine”.
Howard Marks

La diversificazione consiste in un’essenziale strategia di creazione di un portafoglio per mezzo del quale avviene l’acquisto di un maggior numero di attività diverse tra loro. Il fine principale di ciò è la riduzione e il maggior controllo del potenziale rischio complessivo. Il concetto di diversificare può essere espresso dal famoso detto “non porre tutte le tue uova in un unico paniere”, modo di dire che riassume il suo principale significato.

Dovendo infatti investire parte del proprio patrimonio, e decidendo di farlo ponendo la propria attenzione su un solo titolo o investimento, ci si troverebbe in una situazione notevolmente rischiosa. Il rischio percepito prescinde il fatto che si operi attraverso azioni oppure crypto

I differenti mercati mostrano un andamento irregolare ed incostante nel tempo, per questo motivo una ripartizione generale ed ampia del proprio capitale in investimenti che risultano diversi per caratteristiche e tipologia, è in grado di garantire rendimenti più stabili. Infatti, un eventuale risultato negativo, dato da una cattiva scelta d’investimento, può essere controbilanciato da una buona performance risultata, attraverso la diversificazione, da altri investimenti positivi.

Le diverse tipologie di investimento che possono essere scelte dall’utente mostrano, infatti, un comportamento unico come reazione alla variabilità del mercato. Scegliendo, addirittura, investimenti caratterizzati dal movimento opposto, il rischio sarà attenuato.

Sono molte e diverse le modalità attraverso le quali un individuo può differenziare il suo portafoglio. La prima riguarda la differenza sempre presente tra un mercato ed un altro: si verifica infatti la possibilità di investimento in diversi Paesi, concentrando alcune energie su mercati internazionali differenti i quali durante l’anno avranno mutamenti non comuni tra loro.  

Altra modalità vede le diverse classi di investimento, far leva dunque sulle differenze presenti tra i diversi titoli disponibili all’acquisto, come azioni, obbligazioni, titoli di Stato, immobili e materie prime. Anche il settore offre un’opportunità per la creazione di un portafoglio vario.

Settori diversi hanno andamenti diversi; mentre il settore dell’energia tende ad un andamento negativo quello dei servizi finanziari, oppure le telecomunicazioni, potrei avere modifiche in positivo. Lo stile di investimento permette di trovare equilibrio tra le diverse necessità dell’investitore e delle dissimili società delle quali gli acquisti titoli, alcune prediligono risorse per la crescita, altre si focalizzano su un’offerta di valore.

Di essenziale importanza è il diverso orizzonte temporale, che caratterizza gli svariati titoli e deve incontrare le esigenze dell’acquirente e del venditore in ogni situazione possibile; in relazione alla diversa durata anche il rischio, infatti, sarà variabile.

La diversa combinazione di tutte le varie attività, di aspetto finanziario, possedute da un investitore, è detta asset allocation (allocazione di attività). Questa permette di visualizzare in modo chiaro e definito ciascun investimento classificandolo sulla base del rischio; sia per il rischio di mercato, sia per rischio diversificabile. Il primo non può essere eliminato dal processo di diversificazione essendo strettamente legato a tutti i movimenti e i mutamenti del mercato.

La principale causa di questo rischio risiede nella molteplicità di eventi che possono accadere ed influenzare il mercato stesso, quali instabilità politiche, inflazione, valuta, guerre. Si presenta quindi come un rischio che ciascun investitore deve accettare e sfidare.

La seconda tipologia di rischio, quello diversificabile, specifico e dedicato alle singole aziende (industrie) in particolare. È al fine della riduzione di questo rischio che il processo di diversificazione aiuta l’utente. Nonostante la diversificazione non sia in grado, a causa di una continua e variabile mutabilità dei mercati, di garantire la totale assenza nel tempo di perdite negli investimenti, specialmente nel breve periodo, questa è considerata di notevole importanza specialmente per tutti quegli utenti interessati in particolare nell’ottenimento di importanti risultati specialmente relativi ad obiettivi finanziari nel lungo termine.

Occorre inoltre specificare che nel periodo odierno, grazie al gran numero di aziende ed imprese che pongono la loro forza attraverso la pubblicazione dei titoli e azioni, l’attività diversificativa risulta più facilmente effettuabile da parte dell’utente. Specialmente si ritrovano molte aziende, multinazionali e non, caratterizzate da un’enorme potenza, tale per cui il rischio di insolubilità o di performance negativa è ridotto drasticamente, se non per la presenza gli avvenimenti improbabili e rari.

Altro modo per agire con un processo di diversificazione è attraverso l’acquisto di quote di fondi o di Etf. Attraverso questi strumenti si ottiene una disuguale e varia esposizione al mercato, usufruendo primariamente di un vantaggio legato al risparmio dei costi ed un forte e sicuro controllo sul livello di rischio.

La diversificazione non solo è un mezzo attraverso il quale le persone notizie il mercato degli investimenti possono godere di tutela e protezione, ma è consolidato ed utilizzato quotidianamente dai maggiori investitori.

“Non posso prevedere il futuro, quindi diversifico.”
Bill Bernstein

Potrai trovare maggiori informazioni nella guida gratuito che ho creato, scaricala.

Leave a Comment